Il lancio del fumetto
Mercoledì 13 febbraio l’Accademia Maurizio Maggiora ha lanciato “Anime in Transito” al Polo del ‘900 durante “Esodo / Esodi”, evento dedicato al Giorno del Ricordo

Il fumetto narra la storia illustrata dell’esodo giuliano-dalmata, un episodio drammatico, troppo spesso dimenticato, al quale Accademia ha contribuito a restituire voce grazie al supporto del Rotary Club Torino Sud Est e dell’Associazione Anonima Fumetti, che ha curato sceneggiature e disegni.

Il fumetto: una scelta progettuale
Il fumetto ha riscosso il favore e l’ammirazione di numerosi enti e personalità nonostante possa sembrare una scelta curiosa nella narrazione di episodi storici drammatici come quelli dell’esodo giuliano-dalmata. La decisione è stata tale proprio in virtù della capacità di questo linguaggio di veicolare con semplicità il valore storico, educativo e culturale del progetto  affinché le nuove generazioni ne comprendano l’importanza e il significato, diventandone “promotrici attive”

Il lancio
Una numerosa platea ha assistito con vivo interesse alla presentazione aperto dai saluti del Presidente del Consiglio Regionale del Piemonte Nino Boeti.
A presentare Anime in Transito il celebre fumettista Manfredi Toraldo, che ha attestato il valore del lavoro svolto sottolineando:

“…il tratto di Restaldi ha nobilitato il disegno… ha reso in modo pieno completo, vivo ed emozionante questo episodio tanto drammatico… Complimenti! Questa è arte che diventa educazione al passato, presente e, soprattutto al futuro…”

Hanno, poi, preso parola i protagonisti del progetto, iniziando da Federico Maggiora, presidente dell’Accademia, Maurizio Baiotti, segretario del Rotary Club Torino Sud Est e Nico Vassallo, sceneggiatore della graphic novel e segretario di Anonima Fumetti.
Infine Antonio Vatta, Presidente Regionale dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, ha commosso la platea raccontando la propria personale esperienza dell’esodo da Zara e affermando che tali emozioni sono “..tutte dentro il fumetto”.
Giampiero Leo, ha chiuso la presentazione portando i saluti della Fondazione CRT, la quale crede fortemente  nel progetto 

La mostra al Polo
Tutto continua nella Sala Lettura del Polo del ‘900 in quanto dal 14 al 28 febbraio la saranno esposte alcune delle più belle chine originali del fumetto (info e orari qui).

Generare cambiamento è una missione che richiede continui sforzi di adattamento alle realtà e ai contesti in cui operiamo. Si tratta di vere e proprie sfide che Accademia ha sempre accettato di affrontare.

Una delle ultime sfide che ha visto coinvolti moltissimi soci di tutta l’associazione, è stata adeguare la mission e l’identità di Accademia alle evoluzioni intercorse in questi 5 anni. Un lavoro che  stato possibile solo grazie al prezioso contributo di tutti.

Il punto di partenza: l’analisi del nuovo, di tutto ciò che è cambiato oppure si è evoluto in questo quinquennio di sviluppo. Tale percorso di ragionamento è stato accompagnato anche dal punto di vista metodologico: da tecniche di design thinking al brainstorming per individuare le terminologie più adeguate e arrivare alla definizione delle proposte di aggiornamento delle mission, da quella associativa a quelle delle Aree. Nulla è stato lasciato al caso, dalla riflessione sui contenuti al confronto sulle proposte, dalla “metabolizzazione” delle novità da parte dei Referenti di Area alla validazione da parte del Consiglio Direttivo, dalla realizzazione di focus group tematici alla finalizzazione (e rendicontazione) di questo importante progetto strategico. È proprio la valutazione dell’impatto generato da tale intervento sia all’interno sia all’esterno dell’Associazione che ha contraddistinto la fase finale di questo percorso.

Le molte nuove proposte sono state valorizzate dal Coordinamento Comunicazione non solo dando visibilità sul sito internet (passaggio ovviamente obbligato dopo l’approvazione del Consiglio Direttivo) ma anche avviando un percorso guidato di “consapevolezza” all’interno delle Aree che vedrà impegnata l’Associazione per tutto il 2019. Veri e propri momenti di condivisione e di “messa a terra” di azioni concrete di cambiamento che sanciranno la nascita dell’Accademia 4.0 e la fine definitiva dello start-up dell’Associazione.

Filippo Tamietti

 

 

 

Torna Dialoghi Sociali, un evento dedicato al confronto per riflettere e scoprire le sfaccettature della progettazione a impatto sociale.

Accademia propone due serate dedicate all’arte e alla  progettazione:

  • Giovedì 29 novembre: “L’arte grafica dialoga con la progettazione?” In questa serata si confronteranno il  Museo di Arte Urbana (MAU) e Rotary. Rifletteremo su come l’arte unendosi alla progettazione a impatto sociale, crei impresa, educhi i giovani alla cittadinanza attiva, generi cambiamento nel modo di pensare e di vivere il territorio, creando ricchezza economica e, soprattutto culturale.
  • Giovedì 6 dicembre: “Musica e progettazione.” Nella seconda serata vedremo come la musica, “patrimonio di e per tutti”, attraverso la progettazione, possa diventare volano di innovazione sociale ed economica per il “sistema – città” e i suoi cittadini. Ci confronteremo sul tema con il  Conservatorio di Torino.

Ti aspettiamo a Rinascimenti Sociali, Via Maria Vittoria 38, Torino,  dalle ore 20.30 alle ore 22.30.

 

 

 

 

 

 

Perché progettare a impatto sociale? Quanto è importante dare risposte concrete alla collettività? Vi sono strumenti o metodi per fare ciò? Quanto serve avere consapevolezza, mentalità elastica e visione progettuale per sviluppare un progetto efficace?

Per rispondere a tutte queste domande nasce il laboratorio di “Pensare Sociale” dove mentor e tutor di Accademia affiancheranno i giovani interessati nello sviluppo di un progetto per tre serate durante le quali si immergeranno in questi argomenti:

  • Progetto: quali sono le 10 caratteristiche di un progetto

  • Valore sociale: che cos’è e come si misura

  • Stakeholder: clienti, beneficiari, partner e gli altri attori coinvolti nel progetto

  • Soluzione: come costruirla e le sue risorse chiave

  • Costi progettuali: come identificarli

La partecipazione è gratuita. Ci vediamo mercoledì 7 novembre dalle 18.30 alle 21.00 e mercoledì 14 e 21 novembre dalle 18.30 alle 22.30, presso il Centro Servizi per il Volontariato Vol.To in via Giolitti 21, Torino.

 

Negli ultimi anni la progettazione sociale è diventata importante per la crescita e lo sviluppo delle organizzazioni di volontariato. Il contesto pubblico e sociale è mutato velocemente ed il concetto di “sociale” si sta allargando, uscendo dai confini del “Volontariato” per abbracciare la società nel suo complesso. Non sono più sufficienti le esperienze acquisite sul campo (“il fare”) o l’applicazione di metodologie (“il sapere”). Occorre acquisire una mentalità (“saper fare”): non si partirà più da uno specifico bisogno, ma da opportunità, esigenze e problemi in risposta ai bisogni crescenti e variegati della collettività.

E’ da questa consapevolezza e necessità che nasce in collaborazione con Vol.To (Centro Servizi per il Volontariato) il Bando “Pensare Sociale”, un percorso gratuito su come progettare nuovi servizi e modelli a impatto sociale, attraverso lezioni frontali, incontri di mentoring, di tutoraggio ed esercitazioni con manager aziendali e progettisti sociali. L’Associazione Accademia di Progettazione Sociale Maurizio Maggiora mette a disposizione 8 borse di studio che consentiranno ai giovani, di età compresa tra i 18 e i 35 anni, di:

  • Imparare a progettare partendo da un’idea nata da un’esigenza, opportunità o criticità

  • Acquisire una visione e una mentalità progettuale

  • Progettare facendo volontariato e accrescendo le proprie competenze impadronendosi di differenti strumenti e metodologie di progettazione e di valutazione dell’impatto sociale

  • Conoscere esperienze e metodi progettuali provenienti dal profit e dai differenti ambiti del Terzo Settore

  • Vivere un’esperienza concreta in cui ideare e realizzare un progetto

 

Per partecipare al bando ciascuna Organizzazione di Volontariato dovrà inviare una mail al Centro di Servizio per il Volontariato all’indirizzo di posta elettronica centroservizi@volontariato.torino.it entro il 15 ottobre 2018.

Entro il 24 ottobre 2018 tutti i candidati effettueranno, presso Vol.To, un colloquio di approfondimento ed un test orientativo volto a verificare le competenze di partenza.

 

Per informazioni, scrivere a pensare.sociale@accademiamm.it