È nato il PMO di Accademia MM! La nuova creatura dell’Area Ricerca ha visto la luce grazie a Melanie Ungaro, referente dell’Area Ricerca, e a due nuovi tirocinanti: Valentina Passarelli e Davide Gandino.

 

Il PMO di Accademia

Il PMO di Accademia MM, nel rispetto del programma e del Piano Triennale del Comitato d’indirizzo, rappresenterà un team di supporto per tutte le Aree, censendo i progetti e i piani di lavoro e dando supporto nelle varie fasi progettuali.

Per i non addetti ai lavori, un PMO (Project Management Office) è un’entità organizzativa che ha lo scopo di supportare la gestione dei progetti attraverso l’organizzazione e la gestione delle attività. Per mezzo del monitoraggio, è possibile supportare i team di progetto,  è possibile individuare e supportare la strategia del Piano triennale;  con l’analisi è possibile elaborare processi organizzativi che siano flessibili e declinabili e supportare l’organizzazione; con le metodologie di progettazione si diffonde la cultura della progettazione diffondendola all’interno dell’organizzazione.

Attualmente, il lavoro del team si sta concentrando su tre pilastri/standard di Accademia: scheda progetto, piani di lavoro e monitoraggio.

Oltre agli standard, verranno definite delle policies per le linee guida dei progetti e dedicate alle persone che vivono Accademia, ispirandosi ai valori della Mission: collaborazione e condivisione per la creazione di valore attraverso la competenza sono infatti centrali in Accademia.

 

Il PMO e la collaborazione con il Punto d’Orientamento e l’Area Competenza

La collaborazione tra il PMO ed il Punto d’Orientamento permetterà di evidenziare i bisogni dei percorsi di sviluppo, agevolando sia l’ingresso di nuovi soci, sia l’allineamento dei soci già presenti. In questo modo, si faciliteranno il coordinamento e l’allocazione delle persone coinvolte collaborando con i referenti, censendo i ruoli e mappando le risorse necessarie a favore di una sostenibilità sempre maggiore.

 

PMO e non profit: un’accoppiata vincente

Il PMO è un’entità organizzativa sempre più diffusa nel settore profit, in quanto capace di fornire supporto operativo e metodologico di vitale importanza per la gestione della complessità.

Nel settore non profit, la sostenibilità è fondamentale: il monitoraggio e la gestione dei processi consentono un’allocazione efficiente sia delle risorse interne, sia di quelle da ricercare all’esterno per la realizzazione dei progetti.

Oltre alla sostenibilità, nelle organizzazioni non profit un altro elemento è fondamentale: il valore che porta con sé. Il valore generato dai soci è la ricchezza più grande e deve essere garantita e tutelata. Questo è possibile attraverso una costante ricerca di efficacia ed efficienza dei processi, che un PMO può sicuramente garantire.

“Quattro chiacchiere in Accademia” è l’appuntamento per tutti i soci per rimanere aggiornati sulle news del momento, confrontarsi e ritrovarsi.

La prossima occasione sarà il 18 Aprile, in occasione della presentazione del nuovo sito a tutti i soci insieme a don Moreno Filipetto che ci ha aiutato a crearlo e ci racconterà le logiche che hanno portato a definirne la struttura.

Interverranno nella serata Paolo e Sonia per aggiornarci sulla redazione e Melanie per la presentazione della piattaforma “La mia Accedemia Social”  L’evento è aperto a tutti i soci.

Cosa c’è di nuovo?
A cosa stanno lavorando?
A che punto è quel progetto?
Ci sono nuove idee?
Dove sono i documenti?
Come si fa quel passaggio?
Ma perché non me lo hai detto?
Mi sono perso un passaggio… a chi chiedo?

La comunicazione è la base di ogni buona relazione. Una buona comunicazione rende tutto più semplice. Una comunicazione efficacie non è per nulla sconta, soprattutto in realtà complesse come le associazioni e ancor di più associazioni ferventi con tante attività, aree e progetti.
Le domande che introducono l’articolo sono un po’ quelle che qualunque volontario potrebbe porsi ed è giusto che trovino una risposta in maniera semplice, in autonoma e perché no, immediata!

Ecco che “come facilitare la comunicazione interna” è diventato un vero e proprio progetto che ha fatto nascere “La mia Accademia social“: un portale interno, aperto solo ai soci effettivi dove trovare tutte le informazioni. Progetti avviati, conclusi, percorsi, novità, informazioni, comunicazioni interne varie… In maniera semplice e ordinata.

Il progetto è stato seguito da Melanie Ungaro e Roberto Bubbio, con l’aiuto del nostro tirocinante Alberto Fencchio, in collaborazione con Humanage che si è occupata dell’ideazione tecnica. Verrà presentato ai soci durante l’evento “Quattro chiacchiere in Accademia” insieme a tante altre novità.

Nasce qualche tempo fa dall’dea di alcuni nostri volontari, quella di creare un “Gioco sulla Progettazione Sociale”

Perché fare un gioco su questo argomento?
Come molte idee nasce dal lavoro sul campo e dalla volontà di superarsi. Infatti ci si è iniziati a chiedere come poter raggiungere fasce d’età diverse da quella dei 18 -35 e poter arrivare a più persone. In particolare pensando ai futuri diciottenni, quindi gli adolescenti, immaginando di avvicinarli a questo mondo e facilitare l’approccio ai nostri percorsi didattici. Ecco che un gioco pare essere il modo migliore di creare interesse, coinvolgimento e proporre un’attività anche pratica mantenendo lo spirito dell’ “imparare facendo”.

Parte quindi un progetto pilota in collaborazione con Engim Piemonte nelle classi di formazione professionale. Un cartellone stile gioco dell’oca, 5 incontri, 5 temi, tanta pazienza e passione sono gli ingredienti base di un vero e proprio percorso formativo attraverso il gioco.

L’esperimento ha avuto una buona riuscita ed ora si sta organizzando un tavolo di lavoro per creare un progetto più sostanzioso e completo da poter mandare a bando e avere i fondi per finanziare la produzione del prototipo.

Vorremo creare un vero e proprio prodotto, scalabile.