Giovedì 28 febbraio, a Open Incet, Accademia ha raccontato il suo modello, alla presenza di  30 organizzazioni del Terzo Settore e di 60 innovatori under 35, all’interno di “Competenze per l’innovazione sociale”, programma promosso dalla Fondazione Giacomo Brodolini con il contributo della Compagnia di San Paolo.

Federico Maggiora  ha illustrato come la progettazione e l’innovazione sociale siano volano per lo sviluppo delle imprese e come il cambiamento della società e delle organizzazioni sia un elemento chiave per lo sviluppo delle competenze trasversali dei giovani, nonché opportunità di nuova occupazione. Una carrellata stimolante e piena di innovazione, in quanto sono emersi tutti i contorni di quella che possiamo definire una vera e propria rivoluzione progettuale delle metodologie, dei processi, delle relazioni e delle reti all’interno degli ecosistemi sociali.

I giovani innovatori hanno raccolto le suggestioni e stimolato il confronto interrogandosi sul ruolo degli open badge per il riconoscimento delle competenze di cui sopra, sui modelli di finanza d’impatto che sottendono questa rivoluzione e sulle ibridazioni delle forme giuridiche e organizzative che nascono grazie a essa. Al centro di tutto… La gestione della complessità e del cambiamento!

Un ulteriore tassello verso la piena attestazione del mantra dell’Accademia, ovvero che: Progettazione e innovazione sociale sono una vera e propria palestra di competenza per i giovani”.